Prestiti per lavoratori interinali 2021: come averli subito

In questa pagina analizziamo nel dettaglio i prestiti per lavoratori interinali. Tutto quello che c’è da sapere riguardo i finanziamenti rivolti a questa particolare categoria di lavoratori dipendenti. I requisiti richiesti, le condizioni dei prestiti per lavoratori interinali e le informazioni utili per averli subito.

Prestiti per lavoratori interinali 2021: cosa c’è da sapere, come funzionano

I prestiti per lavoratori interinali rappresentano una tipologia di finanziamento che interessa molti potenziali clienti. Per questo motivo è utile conoscere nel dettaglio le caratteristiche di questi prestiti personali, per capire come muoversi per ricevere i soldi di cui abbiamo bisogno. Prima di analizzare i requisiti richiesti e le condizioni dei prestiti, è importante definire cosa si intende per lavoratori interinali. Si tratta innanzitutto di lavoratori dipendenti a tutti gli effetti. Infatti, il lavoratore interinale può lavorare presso una qualsiasi azienda, e percepisce un certo stipendio fisso definito dal contratto di lavoro stesso. Di conseguenza, da questo punto di vista sembrano non esserci particolari differenze con i lavoratori dipendenti, che ricordiamo rappresentano la categoria di clienti che ha maggiore facilità nel ricevere prestiti personali.

Lo stipendio fisso rappresenta infatti un’ottima garanzia per una banca che deve erogare un prestito. I lavoratori interinali, tuttavia, come abbiamo detto rappresentano una particolare categoria di lavoratori. La differenza principale è rappresentata dal fatto che il lavoratore interinale non viene assunto direttamente dall’azienda presso la quale lavora, bensì da un’agenzia interinale. Quest’ultima, infatti, assume direttamente i propri dipendenti, che poi “presterà” alle aziende che cercano una certa figura professionale. Ed è proprio questo l’aspetto da tenere in considerazione quando si analizzano i prestiti per lavoratori interinali. Quando si viene assunti da un’agenzia interinale, e si viene prestati presso una certa azienda, lo si fa per un periodo di tempo predefinito. Soltanto in alcuni casi, il lavoratore interinale viene poi assunto a tempo indeterminato dall’azienda presso la quale ha lavorato, il che avviene comunque dopo diversi rinnovi del contratto a tempo determinato.

Questo è il motivo per cui non sempre è possibile ricevere prestiti per lavoratori interinali, e nel caso in cui fosse possibile, ci sono degli aspetti da tenere in considerazione. Innanzitutto, rispetto ai lavoratori dipendenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato, viene definito in questo caso un limite per la durata massima del piano di rimborso. Tale limite sarà legato appunto alla durata del contratto di lavoro interinale. Questo perché la banca o la finanziaria che deve erogare un finanziamento, deve assicurarsi che il cliente sia in grado di affrontare senza problemi la rata di rimborso prevista dal contratto. Di conseguenza, la compagnia non può rischiare che al termine del contratto di lavoro il cliente non sia più in grado di rispettare gli impegni presi. Sempre per lo stesso motivo, solitamente i prestiti per lavoratori interinali prevedono un importo massimo richiedibile più basso rispetto ai prestiti personali classici, e tassi d’interesse leggermente maggiorati. Come vedremo, tuttavia, ci sono anche delle agevolazioni rivolte ai lavoratori interinali, che potrebbero permettervi di ricevere addirittura un finanziamento a tasso zero.

Requisiti richiesti per ricevere un finanziamento per lavoratori interinali

Quando si analizza una qualsiasi tipologia di prestito, prima ancora delle condizioni economiche dello stesso, è bene definire quali sono i requisiti richiesti per accedere al credito desiderato. In questo modo ci si rende subito conto se il prestito che si sta valutando è effettivamente quello che fa al caso nostro, oppure se forse sia meglio orientarsi verso un prodotto differente. Quali sono nello specifico i requisiti richiesti per ricevere un prestito per lavoratori interinali? Innanzitutto, sono sempre previsti i vincoli di età per il richiedente. In particolare, è necessario che abbiate almeno 18 anni, e che non abbiate superato i 75 anni. Inoltre, per richiedere un prestito nel nostro Paese è necessario che siate residenti in Italia, presso il quale lavorate e dunque producete il vostro reddito. Questi sono gli stessi requisiti che sono previsti per i prestiti personali classici, così come per le altre tipologie di finanziamento. L’aspetto principale da considerare è tuttavia quello legato alle garanzie richieste dalle principali banche per poter accedere ai prestiti per lavoratori interinali.

Dal punto di vista delle garanzie economiche, chiaramente quelle che possono essere presentate dai lavoratori interinali sono ovviamente le ultime buste paga, ed il contratto di lavoro interinale. In questo modo sarà possibile dimostrare alla banca il proprio reddito mensile netto percepito, oltre alla durata del contratto di lavoro. Queste sono le informazioni fondamentali, in base alle quali verranno definite le caratteristiche del prestito per lavoratori interinali che vi verrà proposto. Infatti, sulla base dello stipendio che percepite, verrà definita la rata massima che potrete affrontare. Questa dovrà essere alla vostra portata, in modo da permettervi di affrontare ogni mese la spesa prevista dal contratto di finanziamento, senza troppi problemi. Per quanto riguarda invece la durata del contratto di lavoro interinale, questa come abbiamo già detto definirà la durata massima del piano di rimborso che potrete scegliere.

È chiaro dunque che il principale aspetto negativo dei prestiti per lavoratori interinali rispetto ai prestiti personali classici, è rappresentato dall’importo richiedibile limitato. Cosa fare nel caso in cui si abbia bisogno di un finanziamento di importo più elevato. In questo caso la soluzione è quella del prestito personale classico. Come fare a riceverlo, se il contratto di lavoro interinale prevede i vincoli appena descritti? Per ricevere un prestito di importo più elevato, dovrete necessariamente presentare delle ulteriori garanzie. In particolare, l’opzione più gettonata è sicuramente quella del garante. Presentando un garante che abbia un contratto di lavoro a tempo indeterminato, non avrete problemi a ricevere la somma di denaro di cui avete bisogno. Questo perché, in caso di mancato pagamento delle rate di rimborso, la banca potrà rifarsi proprio sul garante. Quest’ultimo, apponendo la firma sul contratto di finanziamento, si impegnerà infatti a garantire per voi.

Prestiti per lavoratori interinali: importo richiedibile e durata, agevolazioni

Come abbiamo detto, i prestiti per lavoratori interinali prevedono delle caratteristiche in tutto e per tutto simili a quelle dei prestiti personali classici. Si tratta infatti di finanziamenti non finalizzati, che possono essere utilizzati per affrontare qualsiasi tipo di spesa personale. Gli unici vincoli riguardano dunque l’importo richiedibile e la durata. In particolare, per quanto riguarda l’importo richiedibile, è bene specificare che i prestiti per lavoratori interinali rientrano nella categoria dei piccoli prestiti. Solitamente, infatti, la somma di denaro alla quale potrete accedere tramite questo prodotto, non supererà i 2.500 euro. Si tratta comunque di un importo che può essere utile in molti casi, anche considerando che spesso si ha la possibilità di averli subito. Di conseguenza, può essere un’ottima soluzione nel caso in cui vi troviate nella situazione di dover affrontare delle spese impreviste, a causa delle quali vi trovate in difficoltà.

Quali sono invece i vincoli previsti dal punto di vista della durata? Come detto in precedenza, la durata che potrete fissare è strettamente legata alla durata del vostro contratto di lavoro interinale. In molti casi, il vincolo prevede che la data di scadenza dell’ultima rata di rimborso debba essere precedente rispetto alla data di scadenza del contratto di lavoro che avete firmato. Tuttavia, in particolare per i prestiti per lavoratori interinali, sono previsti dei particolari trattamenti ed agevolazioni. Questo grazie al lavoro di Ebitemp, che rappresenta l’Ente bilaterale per il lavoro temporaneo e che si occupa di tutelare i lavoratori a tempo determinato, tra cui troviamo appunto i lavoratori interinali. I prestiti agevolati per lavoratori interinali Ebitemp, possono essere richiesti da tutti quei lavoratori interinali che abbiano prestato servizio per un periodo superiore ad un mese presso un’azienda iscritta ad Ebitemp. Per avere queste informazioni vi basterà richiederlo alla vostra azienda, oppure semplicemente visitare il sito internet di Ebitemp.

Tra le agevolazioni previste, c’è innanzitutto un particolare trattamento economico, molto più conveniente rispetto ai prestiti personali classici. Con Ebitemp è infatti possibile ricevere un finanziamento per lavoratori interinali a tasso zero. Questo significa che non sono previsti interessi, e di conseguenza potrete risparmiare non poco sul costo del vostro prestito. Inoltre, questi prestiti agevolati permettono di allungare leggermente la durata del piano di rimborso, rispetto al vincolo solitamente previsto per i prestiti personali classici. Infatti, all’interno del regolamento dei prestiti Ebitemp, viene specificato che la data di scadenza dell’ultima rata di rimborso non potrà superare di più di 9 mesi la data di scadenza del contratto di lavoro interinale in essere al momento della richiesta di finanziamento. Infine, con i prestiti per lavoratori interinali Ebitemp è anche possibile ricevere un importo superiore ai 2.500 euro, con durata che può superare la data di scadenza del contratto di ben 42 mesi. In quest’ultimo caso non si tratterà di un prestito a tasso zero ma sono previsti comunque dei tassi d’interesse agevolati. Per poter effettuare la richiesta, tuttavia, è necessario ricevere prima un piccolo prestito fino a 2.500 euro, in modo da dimostrare di essere dei clienti affidabili.

Prestiti per lavoratori interinali: come averli subito con erogazione immediata?

Per concludere la nostra analisi dei prestiti per lavoratori interinali, è bene analizzare i tempi di erogazione di questi finanziamento. In particolare, come fare per averli subito? Questa è una domanda che si pongono moltissimi clienti che si trovano a cercare un finanziamento per affrontare una spesa per la quale non possono aspettare dei lunghi tempi di erogazione. Fortunatamente, nel caso dei prestiti per lavoratori interinali, spesso è possibile ricevere i soldi di cui si ha bisogno con erogazione immediata. Il che è un vantaggio non indifferente, che in molti casi risulta essere decisivo nella scelta di una certa tipologia di prestito rispetto ad un’altra. Da cosa dipendono i tempi di erogazione di un prestito? Sono diversi i fattori che influiscono sui tempi burocratici che una banca necessita per completare una pratica di concessione di un prestito. Il fattore principale, tuttavia, è sicuramente l’importo che andremo a richiedere.

È chiaro che un qualsiasi istituto di credito dovrà effettuare maggiori verifiche prima di erogare un prestito da 30.000 euro, rispetto ad un prestito da 1.000 euro. Proprio nel caso dei piccoli prestiti fino a 2.500 euro, spesso è possibile averli subito. Un altro aspetto da considerare è che i prestiti per lavoratori interinali Ebitemp possono essere richiesti direttamente online. Sul sito internet dell’Ente è possibile trovare tutte le informazioni utili per completare la richiesta in totale autonomia. Nella relativa area del sito, troverete il modulo da scaricare e compilare in tutte le sue parti. Al modulo stesso dovrete allegare tutta la documentazione richiesta, che comprende i vostri documenti personali (carta d’identità, passaporto o patente, oltre alla tessera sanitaria), ed i documenti che attestino il vostro reddito (ultime buste paga e contratto di lavoro interinale). Se fornite subito tutto il materiale necessario per avviare la pratica, potrete abbattere notevolmente i tempi di attesa e ricevere subito i soldi di cui avete bisogno.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*