Cessione del Doppio Quinto 2022: requisiti e migliori soluzioni per pensionati o sullo stipendio

In questa pagina troverete tutte le informazioni utili riguardo la cessione del doppio quinto. Di cosa si tratta e quali sono i requisiti necessari per accedere a questa particolare forma di finanziamento. Le migliori soluzioni per pensionati e lavoratori dipendenti per cessione del doppio quinto della pensione o dello stipendio.

Cessione del Doppio Quinto 2022: che cos’è e quali sono i requisiti richiesti

Tutti, o quasi, conosciamo la cessione del quinto, che rappresenta una delle forme di prestito maggiormente richieste dai clienti. In questo articolo ci occupiamo invece della cessione del doppio quinto, conosciuta anche come il prestito con delega. Per analizzare le migliori soluzioni disponibili per il 2022, è necessario innanzitutto capire bene di cosa stiamo parlando. Che cos’è la cessione del doppio quinto? Chiaramente le caratteristiche di questa forma di finanziamento sono simili a quelle della cessione del quinto. Quest’ultima, come probabilmente già sapete, è una soluzione che viene rivolta dalle banche e dalle finanziarie ai lavoratori dipendenti e ai pensionati. Soltanto chi percepisce un reddito mensile fisso può accedere alla cessione del quinto, e di conseguenza anche alla cessione del doppio quinto. Per i lavoratori dipendenti e per i pensionati la cessione del quinto rappresenta una delle migliori forme di prestito in assoluto, per diversi motivi.

Il primo vantaggio della cessione del quinto è quello di poter essere richiesto senza troppi problemi. Gli unici requisiti richiesti sono quelli di avere un regolare contratto di lavoro o essere un pensionato. Per quanto riguarda i lavoratori dipendenti, possono accedere alla cessione del quinto e del doppio quinto sia i dipendenti pubblici che i dipendenti privati, a patto che l’azienda presso la quale si lavora dia il proprio via libera. Per quanto riguarda la differenza tra chi ha un contratto a tempo indeterminato e chi invece ha un contratto a tempo determinato, in quest’ultimo caso viene posto dall’istituto di credito un vincolo riguardo la durata massima del piano di rimborso. La durata non potrà infatti essere superiore alla durata residua del proprio contratto di lavoro: in questo modo la compagnia si assicura che il cliente non avrà problemi nel rimborso (a meno di licenziamenti da parte dell’azienda).

La caratteristica principale della cessione del quinto è la sua particolare modalità di rimborso, che costituisce un ulteriore vantaggio per il cliente, rispetto ad altre tipologie di prestito. Il pagamento delle rate di rimborso avviene in maniera del tutto automatica, visto che il datore di lavoro o l’ente pensionistico si occuperà di versare nelle casse dell’istituto di credito l’importo dovuto dal cliente beneficiario della cessione del quinto. Il nome del prodotto è dovuto al fatto che la rata massima che potrà essere fissata per il rimborso non potrà superare il quinto, e dunque il 20%, dello stipendio o della pensione netta percepita. Questo significa che, indipendentemente dall’importo desiderato, il cliente avrà la sicurezza di avere sempre delle rate piuttosto leggere, che non costituiranno un grosso problema. Come si può facilmente intuire, la cessione del doppio quinto eredita dalla cessione del quinto tutte le caratteristiche principali che abbiamo appena elencato, con la differenza che in questo caso la rata massima che potrà essere fissata (considerando sia la cessione del quinto che la delega di pagamento) potrà arrivare fino ai due quinti del proprio reddito netto mensile, e dunque fino al 40% del totale.

Cessione del Doppio Quinto: vantaggi e garanzie necessarie

La cessione del doppio quinto, o prestito con delega, è una forma di finanziamento che negli ultimi anni ha preso sempre più piede tra i principali istituti di credito. Questo perché anche da parte dei clienti c’è stato sempre più interesse verso questa tipologia di finanziamento. Se vi state chiedendo quali sono i vantaggi della cessione del doppio quinto, possiamo affermare che il principale è sicuramente quello di poter ricevere un importo superiore rispetto a quello della cessione del quinto. Questo è infatti il motivo per cui molti clienti sono interessati al prestito con delega. Spesso, nel caso della cessione del quinto, tutti i vantaggi che abbiamo elencato in precedenza vengono sì apprezzati, ma l’importo al quale si può accedere non è sufficiente per realizzare il proprio progetto. Questo perché l’importo richiedibile con la cessione del quinto è vincolato ad essere (al netto degli interessi) pari al 20% dello stipendio o della pensione percepita, moltiplicato per il numero di mesi relativi alla durata del piano di rimborso.

Di fatto dunque con la cessione del doppio quinto il cliente ha la possibilità di accedere ad una somma di denaro pari al doppio rispetto a quanto potrebbe ottenere con la sola cessione del quinto. Quali sono le garanzie necessarie per poter accedere alla cessione del doppio quinto? Come abbiamo già detto si tratta di una forma di finanziamento rivolta esclusivamente ai lavoratori dipendenti e ai pensionati. L’unica garanzia economica necessaria per poter accedere al credito desiderato sarà dunque un valido documento di reddito, che può essere la busta paga o il cedolino della pensione. Oltre a questo, il cliente deve presentare la delega firmata dal proprio datore di lavoro. Proprio per questo motivo, la forma di finanziamento che stiamo analizzando viene anche detta delegazione di pagamento o prestito con delega. Il motivo di tale delega è appunto quello per cui il pagamento delle rate di rimborso dovrà essere effettuato proprio dal datore di lavoro.

Il prestito con delega dunque può essere richiesto da coloro che abbiano una cessione del quinto in corso e che abbiano bisogno di nuova liquidità. Tra i vantaggi di questo prodotto c’è quello di essere un prestito non finalizzato, il che significa che l’importo ricevuto dal cliente potrà essere utilizzato per affrontare qualsiasi tipo di spesa. Inoltre, i i dipendenti pubblici spesso hanno accesso a condizioni economiche particolarmente convenienti, grazie alle convenzioni che alcuni istituti di credito hanno stipulato con la diversi enti pubblici. Di conseguenza se siete interessati a ricevere un prestito con cessione del doppio quinto vi consigliamo di verificare se la vostra azienda è convenzionata con qualche banca o finanziaria. Un ulteriore vantaggio del prestito con delega è quello di prevedere una durata molto elevata. Solitamente, infatti, il cliente ha la possibilità di fissare la durata del proprio piano di rimborso da un minimo di 12 mesi fino ad un massimo di ben 120 mesi. Questo permette di ricevere un importo piuttosto elevato, con un rimborso in rate mensili fisse senza sorprese.

Le migliori soluzioni per lavoratori dipendenti: Cessione Doppio Quinto dello stipendio

Se siete lavoratori dipendenti e volete richiedere un prestito con cessione del doppio quinto, le soluzioni a vostra disposizione non mancano di certo. Se la vostra azienda è convenzionata con un particolare istituto di credito, allora molto probabilmente la soluzione migliore è proprio quella di rivolgervi a questa compagnia. In alternativa, ci sono comunque moltissime banche e finanziarie che prevedono questo tipo di prestito nella propria gamma di prodotti. Come sempre, il nostro consiglio è quello di rivolgervi ad uno dei principali istituti di credito, che vi garantiscono la massima affidabilità oltre che un trattamento economico piuttosto vantaggioso. Abbiamo effettuato una ricerca sul web per individuare le migliori soluzioni di cessione del doppio quinto disponibili per il 2022. Nei prossimi paragrafi analizzeremo in breve le offerte di alcune delle principali compagnie alle quali potreste rivolgervi per ricevere la cessione del doppio quinto.

Uno degli istituti di credito che offre la cessione del doppio quinto è Agos Ducato. Sul sito internet della compagnia, nell’area dedicata alla cessione del quinto, trovate una pagina dedicata proprio alla “Delegazione di Pagamento“. Qui vengono descritte le principali caratteristiche di questo prodotto, che come si legge può essere richiesto anche da coloro che abbiano già richiesto la cessione del quinto Agos Ducato. Tra i punti che vengono sottolineati, c’è quello di poter essere richiesto anche con altre forme di prestito in corso (a patto che la somma delle rate non superi il 40% dello stipendio) ed anche in caso di eventuali precedenti difficoltà di accesso al credito. Inoltre, per effettuare la richiesta basta la presentazione della propria busta paga e della delega di pagamento, e non è necessario che ci sia alcun coobbligato. La durata massima è di 120 mesi, ed è prevista la stipula di una polizza assicurativa rischio vita e rischio impiego, il cui costo verrà spalmato sull’intera durata del finanziamento.

Un’altra compagnia che offre la cessione del doppio quinto ai propri clienti è IBL Banca. In questo caso il prodotto viene denominato “Prestito con delega“, e le caratteristiche principali sono le stesse che abbiamo visto finora. Per quanto riguarda il rimborso, il prestito con delega prevede il pagamento di una rata pari al massimo ad un quinto dello stipendio percepito. Come abbiamo già detto, il prestito con delega può coesistere con altri prestiti che prevedono la trattenuta delle rate di rimborso dalla busta paga, come la cessione del quinto o il prestito personale classico. Ciò è possibile a patto che la somma di tutte le trattenute non superi il 50% del reddito netto percepito. La durata prevista per la cessione del doppio quinto offerta da IBL Banca va da un minimo di 24 mesi fino ad un massimo di 120 mesi. Per quanto riguarda la richiesta, questa può essere effettuata presso una delle filiali IBL Banca di tutta Italia, dove un consulente seguirà passo per passo la vostra pratica. In caso di accettazione della richiesta, l’erogazione avverrà nel giro di pochi giorni, tramite assegno oppure tramite bonifico bancario.

Cessione del Doppio Quinto per pensionati: è possibile riceverla nel 2022?

La cessione del doppio quinto rappresenta dunque un’ottima soluzione per i lavoratori dipendenti pubblici e privati. Ma questa tipologia di finanziamento è disponibile anche per i pensionati? Se la cessione del quinto è chiaramente offerta ai pensionati, purtroppo lo stesso non si può dire per la cessione del doppio quinto. Questo perché, sebbene le caratteristiche del finanziamento siano molto simili a quelle della semplice cessione del quinto, gli enti pensionistici hanno deciso di non accettare questa forma di prestito. Come abbiamo visto in precedenza, infatti, una garanzia fondamentale per poter accedere all’importo desiderato tramite cessione del doppio quinto è appunto la delega del proprio datore di lavoro. Nel caso dei pensionati, proprio a causa di questa decisione da parte degli enti pensionistici, non sarà possibile accedere alla cessione del doppio quinto nel 2022. Dunque, proprio perché tale restrizione non è dovuta alle decisioni degli istituti di credito, non c’è alcuna compagnia che possa offrire il prestito con delega anche ai pensionati.

Ci sono comunque delle valide soluzioni che permettono ai pensionati di accedere all’importo desiderato, tramite i finanziamenti dedicati proprio a questa categoria. Tra questi c’è ovviamente la cessione del quinto della pensione, di cui abbiamo elencato in vantaggi nei precedenti paragrafi. Proprio per quanto riguarda i pensionati, l’INPS ha stipulato una Convenzione con alcuni dei principali istituti di credito che offrono questa tipologia di prestito. La lista delle banche e delle finanziarie che hanno aderito a questa Convenzione è disponibile proprio sul sito internet dell’INPS. Rivolgendovi ad un istituto di credito convenzionato avrete dunque la possibilità di accedere alla cessione del quinto usufruendo di un trattamento economico molto conveniente. Questo perché è proprio l’INPS a definire le caratteristiche della cessione del quinto per i pensionati che verrà offerta dalle compagnie convenzionate. Di conseguenza i tassi d’interesse Tan e Taeg applicati saranno più bassi rispetto a quelli applicati ad altre forme di finanziamento, e saranno previste ulteriori agevolazioni sempre riservate ai pensionati.

Tuttavia la cessione del quinto non è l’unica forma di finanziamento rivolta ai pensionati. È bene sottolineare che anche il prestito personale classico può essere richiesto senza problemi da chi percepisce una pensione. I pensionati rappresentano infatti una categoria di clienti ben vista dagli istituti di credito, in quanto la pensione rappresenta una garanzia molto affidabile, visto che è un reddito mensile fisso garantito a vita. Spesso con il prestito personale classico è possibile ricevere una somma di denaro anche superiore rispetto a quella che può essere richiesta tramite la cessione del quinto della pensione. Considerando l’impossibilità a richiedere la doppia cessione del quinto, proprio il prestito personale classico può rappresentare la soluzione migliore per ricevere la somma di denaro desiderata. Per ricevere un importo più elevato è infatti possibile presentare all’istituto di credito delle ulteriori garanzie, che aumenteranno così la vostra affidabilità. Ad esempio, per ricevere una somma di denaro più elevata potreste presentare la firma di un garante. Quest’ultimo dovrà semplicemente presentare un documento di reddito, ed in questo modo vi permetterà di ricevere il finanziamento desiderato.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*