You are here: Home » Prestiti News » Prestiti Pluriennali Inpdap: finanziamenti Inps diretti on line

Prestiti Pluriennali Inpdap: finanziamenti Inps diretti on line

Vediamo come funzionano i prestiti pluriennali Inpdap e quali sono le caratteristiche di questo prodotto, che ormai da anni viene offerto da Inps. Come richiedere questi finanziamenti on line, con tutte le informazioni riguardo il modulo da compilare e i requisiti necessari per aver accesso alla cifra desiderata. Infine la documentazione necessaria per poter completare la richiesta di finanziamento.

Prestiti pluriennali Inpdap: a chi sono rivolti e condizioni dei finanziamenti diretti

Se siete interessati a ricevere un finanziamento, qualunque sia la finalità dello stesso, tra le soluzioni più convenienti in assoluto troviamo sicuramente i prestiti personali Inpdap. In particolare vogliamo presentarvi i prestiti pluriennali, che come dice la parola stessa prevedono un rimborso spalmato su più anni, e dunque ci permettono di aver accesso ad una somma piuttosto importante. La prima specifica che va fatta è che quando in questa pagina parleremo di “prestiti Inpdap” ci riferiamo in realtà ai finanziamenti diretti Inps, che ormai da diversi anni ha sostituito il vecchio istituto. Tuttavia spesso si continua a parlare di prestiti Inpdap in quanto quest’ultimo ente ha avuto per molti anni la gestione di questi finanziamenti, e dunque la denominazione è ancora utilizzata per indicare il tipo di prodotto.

Dunque la denominazione più corretta di questo prodotto è quella di prestiti pluriennali Inps. Scegliendo questa soluzione, le opzioni disponibili sono due, e corrispondono al prestito quinquennale e al prestito decennale. Queste forme di prestiti diretti sono rivolte ai dipendenti pubblici e ai pensionati Inps, che devono inoltre essere iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Inoltre è richiesto che il cliente abbia maturato almeno quattro anni di anzianità di servizio e che per quattro anni abbia versato i contributi alla Gestione unitaria. Soltanto i lavoratori con contratto a tempo indeterminato, oltre ovviamente ai pensionati, possono avere accesso ai prestiti pluriennali Inpdap senza problemi.

Se il richiedente possiede un contratto di lavoro a tempo determinato della durata di almeno tre anni, questi potrà ricevere un finanziamento soltanto fissando la fine del rimborso prima della scadenza del contratto stesso. Il trattamento offerto da Inps con le proprie opzioni di finanziamento è particolarmente conveniente, se confrontato con i prestiti offerti dalle banche. Qui troviamo infatti un tasso d’interesse nominale annuo del 3,50%, mentre le spese di amministrazione sono soltanto dello 0,50%. Infine, in base ai dati personali del cliente viene calcolata la quota relativa al Fondo Rischi. In questo caso ovviamente ad essere determinante sarà l’età del cliente, visto che all’aumentare della stessa aumenterà anche il costo di questa assicurazione.

Come richiedere un prestito pluriennale Inpdap on line sul sito Inps

Richiedere un prestito pluriennale Inpdap è semplicissimo e soprattutto velocissimo, visto che la richiesta può essere inviata completamente online tramite il sito internet dell’Inps. Per fare ciò è necessario accedere al sito internet tramite il proprio codice PIN. Se non siete in possesso di questo codice, potete recarvi presso un qualsiasi ufficio dell’Inps, oppure chiamare il numero 803 164 da rete fissa o lo 06 164 164 da rete mobile, per ricevere tutte le informazioni di cui avete bisogno.

Per inviare la richiesta è necessario compilare il relativo modulo, che si trova nella sezione del sito chiamata appunto “Tutti i moduli“. Qui dovremo dunque cercare quello relativo ai prestiti pluriennali. A questo punto, i dati che ci verranno richiesti saranno ovviamente i nostri dati personali, in cui specificheremo nome e cognome, indirizzo di residenza, data di nascita, codice fiscale, ecc. La seconda parte del modulo riguarderà il finanziamento, e dunque qui dovremo specificare se siamo interessati ad un finanziamento quinquennale oppure decennale. Dovremo poi specificare ovviamente la cifra alla quale siamo interessati, tenendo conto del fatto che l’Inps valuterà se concederci o meno il finanziamento in base al nostro stipendio. Per questo motivo dovremo calcolare la rata in modo che sia alla nostra portata.

In allegato alla nostra domanda dovremo poi inviare tutta la documentazione necessaria. Innanzitutto, è necessario inviare la carta d’identità e la tessera sanitaria, che identificano il soggetto richiedente. Per quanto riguarda il documento reddituale, è necessario inviare il contratto di lavoro, indispensabile sia per conoscere l’entrata mensile del cliente che per accertare che quest’ultimo abbia un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Come detto in precedenza, può essere accettato anche il contratto a tempo determinato, a patto che la durata del finanziamento sia inferiore al numero di anni che mancano alla scadenza del contratto di lavoro. Infine, come sottolineato sul sito internet dell’Inps, è necessario inviare un certificato medico di sana e robusta costituzione, in cui un medico certifichi che il cliente “risulta in buona salute e non presenta patologie in atto o pregresse tali da determinare un pericolo a breve e medio termine”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *