You are here: Home » Prestiti News » Prestiti per Commercianti 2019: finanziamenti agevolati per commercianti in crisi, cattivi pagatori e protestati

Prestiti per Commercianti 2019: finanziamenti agevolati per commercianti in crisi, cattivi pagatori e protestati

Anche per questo 2019 i prestiti per commercianti rappresentano un’ottima opportunità che vi consigliamo di prendere al volo. Scopriamo dunque come funzionano i finanziamenti agevolati rivolti ai commercianti in crisi, oppure ai cattivi pagatori e ai protestati. Infine a chi bisogna rivolgersi e quali sono i vantaggi dei prestiti per commercianti.

Prestiti per Commercianti 2019: requisiti richiesti e vantaggi dei finanziamenti agevolati

Se siete commercianti alla ricerca di un prestito siete sulla pagina giusta. Qui infatti potete trovare tutte le informazioni utili riguardo i finanziamenti rivolti proprio alla vostra categoria di lavoratori. Non mancano delle ottime opportunità per quanto riguarda i prestiti per commercianti anche per questo 2019. Per prima cosa dunque andiamo ad analizzare i requisiti che vi verranno richiesti dalle banche e dagli enti che offrono finanziamenti agevolati per commercianti. Come per qualsiasi forma di prestiti personale e prestito finalizzato, è sempre necessario fornire all’istituto di credito, o al prestatore privato, delle valide garanzie di affidabilità. Nel caso dei prestiti per commercianti in alcuni casi si è agevolati non solo dal punto di vista delle condizioni economiche ma anche dal punto di vista dei requisiti.

Bisogna considerare innanzitutto che i prestiti per commercianti possono essere di diverso tipo. La prima tipologia di finanziamento che potete facilmente ottenere è quella del prestito personale classico. Come probabilmente già sapete tutti i principali istituti di credito offrono ai propri clienti la possibilità di ricevere un prestito personale. Questa tipologia di finanziamento ha la caratteristica di essere rivolto ai privati e di essere perfetto per far fronte a qualsiasi tipo di spesa. Il prestito personale classico è rivolto anche ai commercianti, nonostante siano senza busta paga. I commercianti infatti fanno parte dei lavoratori autonomi, perciò la garanzia economica che dovrà essere presentata è la dichiarazione dei redditi relativa all’ultimo anno di attività. In base ai guadagni ottenuti verrà fatta una valutazione del grado di rischio e verrà stimata la somma di denaro massima che potrà essere richiesta dal commerciante.

La soluzione di prestito migliore se siete commercianti è però quella del finanziamento agevolato studiato appositamente per la categoria. Questo tipo di finanziamenti fa parte delle misure adottate per rilanciare l’economia del nostro Paese. È per questo motivo che diversi enti regionali permettono ai commercianti di accedere a dei prestiti a condizioni vantaggiose. I vantaggi dei prestiti agevolati per commercianti non stanno soltanto nelle condizioni economiche offerte, ma anche dal punto di vista delle garanzie. Diversi enti, come ad esempio la Confcommercio, la Confesercenti ma anche associazioni regionali minori, offrono ai commercianti la possibilità di accedere al finanziamento desiderato con maggiore facilità. Quali sono i requisiti richiesti per i prestiti agevolati? Rispetto al prestito personale classico, in questo caso ha molta importanza il progetto che si vuole realizzare, che dovrà essere presentato nel dettaglio con il relativo business plan. Se il progetto verrà ritenuto all’altezza sarà l’associazione stessa a garantire per il commerciante. Dunque di fatto quest’ultimo potrà accedere al prestito desiderato anche senza garanzie economiche.

Finanziamenti Agevolati per Commercianti in crisi: a chi rivolgersi e agevolazioni

Abbiamo visto dunque che i prestiti agevolati per commercianti rappresentano la soluzione ideale sia dal punto di vista dei requisiti richiesti che per le condizioni economiche offerte. Vediamo dunque nel dettaglio quali sono le agevolazioni riservate ai commercianti e a chi rivolgersi per ottenere questa forma di finanziamento. I prestiti agevolati sono dei prodotti che non vengono erogati direttamente dalle banche e dalle finanziarie. Come abbiamo già detto si tratta di finanziamenti che possono essere richiesti rivolgendosi alle associazioni di commercianti, che offrono la possibilità ai propri associati di ottenere il credito desiderato con maggiore facilità e ad ottime condizioni economiche. Per questo motivo si tratta di un’opportunità unica anche per i commercianti in crisi, che per un motivo o per un altro si trovano in difficoltà nell’affrontare le diverse spese e pensano addirittura alla chiusura. Spesso per rilanciare la propria attività basta aggiungere un po’ di innovazione attuando qualche piccolo cambiamento e realizzando un progetto che si ha in testa. Solitamente quello che manca sono i soldi necessari per l’investimento iniziale, e questo problema può essere risolto proprio grazie a questi prestiti agevolati che rappresentano un’ottima soluzione per i commercianti in crisi e non solo.

Quali sono le agevolazioni alle quali si può accedere grazie a questi finanziamenti? L’agevolazione per eccellenza è senza dubbio quella del prestito per commercianti a fondo perduto. È facile capire per quale motivo si tratti della soluzione più conveniente e più richiesta: una parte dell’importo erogato non dovrà essere rimborsata dal cliente che la riceve in prestito. Sul regolamento del prestito viene specificata una certa percentuale, che è appunto quella che verrà erogata a fondo perduto. Ovviamente nessun istituto di credito ha interesse ad offrire prestiti a fondo perduto, visto che per la compagnia rappresenterebbe solamente una perdita di denaro. Questo tipo di finanziamenti agevolati per commercianti viene offerto dalle associazioni di categoria e dai vari enti regionali. L’erogazione di tali prodotti, estremamente convenienti per i commercianti che ne hanno accesso, è possibile grazie ai fondi che anche per il 2019 sono stati stanziati dallo Stato Italiano e grazie anche ai fondi europei che sono volti a rilanciare l’economia dei Paesi Membri dell’UE.

Sebbene il prestito a fondo perduto sia la soluzione più conveniente in assoluto, allo stesso tempo non è semplice ottenere questo tipo di trattamento economico vista la grande richiesta e dunque la selezione che viene effettuata. Tuttavia non è l’unica agevolazione per i commercianti in crisi, che possono contare anche sui prestiti a tasso agevolato e a tasso zero. Grazie a queste soluzioni si potrà risparmiare non poco sugli interessi che si sarebbero dovuti pagare nel caso del prestito personale classico. Come bisogna fare per ottenere i prestiti agevolati per commercianti? Il nostro consiglio è quello di visitare il sito internet delle diverse associazioni di commercianti, oltre al sito internet della propria Regione. Qui troverete la lista dei diversi bandi attivi ai quali potete partecipare per ottenere il finanziamento desiderato. Sul bando vengono specificati i requisiti richiesti, le spese ammissibili e l’importo che potrà essere richiesto. Se rientrate nella categoria di commercianti che possono accedere all’agevolazione prevista, allora vi basterà compilare il modulo per partecipare alla selezione ed ottenere il prestito desiderato.

Ad esempio un bando rivolto ai commercianti per il 2019 è il Bando Fondo Futuro, promosso dalla Confcommercio di Roma. Grazie a questa iniziativa è possibile ricevere un prestito a tasso agevolato dell’1%, decisamente conveniente rispetto ai tassi applicati dalle principali banche e finanziarie. L’importo richiedibile arriva fino ad un massimo di 25.000 euro, da restituire in 84 mesi. Fondo Futuro è rivolto ai commercianti di qualsiasi tipo, e le categorie che possono accedere sono le micro, piccole e medie imprese ma anche i lavoratori autonomi e titolari di partite IVA. Le spese ammissibili sono tutte quelle che riguardano la propria attività commerciale. Dunque sono ammissibili le spese per gli investimenti che riguardano la ristrutturazione di immobili, l’acquisto di macchinari ed attrezzature e l’acquisto di componenti hardware e software. Inoltre sono ammissibili anche le spese di gestione dell’attività commerciale e dunque tutto ciò che riguarda il costo del personale ed i canoni di locazione.

Prestiti per Commercianti 2019 anche per cattivi pagatori e protestati: come riceverli

Ci sono dunque delle ottime opzioni di prestiti per commercianti che vi permettono di realizzare i vostri progetti risparmiando sul costo del finanziamento. Anche quando l’ente o l’associazione si occupa di offrire le garanzie necessarie al posto vostro, è comunque necessario rispettare determinati requisiti. In particolare spesso è indispensabile avere una storia creditizia che dimostri che siamo clienti affidabili. Per questo motivo difficilmente i commercianti che sono stati segnalati come cattivi pagatori o protestati possono accedere ai finanziamenti agevolati di cui abbiamo parlato in precedenza. Come fare dunque per ricevere i soldi di cui si ha bisogno. In questo caso è necessario orientarsi verso un prodotto differente, e una valida soluzione può essere quella dei prestiti tra privati.

Notoriamente i prestiti tra privati sono dei finanziamenti più semplici da ricevere rispetto ai prestiti personali classici che vengono offerti dalle banche e dalle finanziarie. Le caratteristiche del prestito per commercianti che si può ottenere in questo modo sono praticamente le stesse, anche se nel caso dei cattivi pagatori e dei protestati le condizioni economiche potrebbero essere leggermente meno convenienti. Sono moltissimi i privati che offrono prestiti ed è facile trovare annunci online che promettono tassi super convenienti. Vi consigliamo tuttavia di fare molta attenzione a chi vi rivolgete per ricevere un prestito da privati, perché purtroppo è possibile subire una truffa.

Per evitare spiacevoli sorprese vi consigliamo di richiedere il vostro prestito per commercianti utilizzando una delle diverse piattaforme di social lending. Queste community permettono ai prestatori e ai richiedenti di entrare in contatto, e la piattaforma stessa funge da tramite per garantire la massima affidabilità e sicurezza ad entrambe le parti. Tra le principali piattaforme di social lending vi consigliamo Smartika, Prestiamoci, BLender e Soisy. In questo modo potrete ricevere il vostro prestito per commercianti anche se risultate ancora come cattivi pagatori o protestati. Le garanzie che potete presentare sono la dichiarazione dei redditi, oppure anche il documento che attesti la proprietà di un immobile come garanzia reale. Il tipo di finanziamento offerto spesso è quello del prestito cambializzato, che ha la sola differenza di prevedere il rimborso tramite il pagamento di cambiali emesse dal prestatore. In questo modo il prestatore privato verrà maggiormente tutelato, in quanto la cambiale rappresenta un titolo esecutivo tramite il quale rivolgersi ad un giudice per ottenere la somma di denaro non rimborsata anche tramite confisca dei beni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *