You are here: Home » Prestiti News » Prestiti INAIL 2019: finanziamenti a fondo perduto e agevolati per pensionati, dipendenti e invalidi

Prestiti INAIL 2019: finanziamenti a fondo perduto e agevolati per pensionati, dipendenti e invalidi

Vediamo nel dettaglio come funzionano i prestiti INAIL disponibili per il 2019. Scopriamo come funzionano i finanziamenti a fondo perduto e gli altri finanziamento agevolati rivolti ai lavoratori dipendenti, ai pensionati e agli invalidi. Analizzeremo le caratteristiche dei prestiti INAIL, con i requisiti richiesti e i tassi d’interesse applicati.

Prestiti INAIL 2019: come funzionano i finanziamenti a fondo perduto

Se siete alla ricerca dei prestiti INAIL siete sulla pagina giusta, perché qui troverete tutte le informazioni che potrebbero esservi utili. Per prima cosa è bene sapere che cos’è l’INAIL, in modo da capire meglio di cosa stiamo parlando. L’INAIL è l’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, perciò si tratta di un ente pubblico che si occupa di tutelare i lavoratori italiani. Sono diverse le prestazioni che l’ente riserva ai lavoratori dipendenti. In particolare le prestazioni dell’INAIL riguardano quei lavoratori che abbiano subito un infortunio sul lavoro. In questo caso sono previste prestazioni che riguardano sia la riabilitazione che l’erogazione di assegni di assistenza. Nei prossimi paragrafi ci occuperemo anche dei prestiti INAIL per i pensionati che appunto percepiscono questo tipo di aiuto economico da parte dell’ente.

Quando si parla di prestiti INAIL tuttavia ci sono diversi prodotti di cui è importante parlare. Quando in generale si parla di prestiti, il prodotto di più conveniente in assoluto è sicuramente il finanziamento a fondo perduto. Per questo motivo la prima tipologia di prestiti INAIL che andiamo ad analizzare proprio questa. Come funzionano i prestiti a fondo perduto offerti dall’INAIL? Per il 2019 l’Istituto ha pubblicato un bando per l’assegnazione di finanziamenti a fondo perduto del 65%. Per chi non conoscesse questo tipo di prodotto, la caratteristica che rende i prestiti a fondo perduto così convenienti è il fatto di prevedere una parte dell’importo erogato appunto a fondo perduto, e cioè che non deve essere rimborsata dal cliente.

Nel caso dei prestiti INAIL è previsto un contributo a fondo perduto addirittura del 65%, il che significa che della somma di denaro complessivamente erogata il beneficiario del finanziamento dovrà rimborsarne solamente il 35%. Questo tipo di finanziamento è rivolto alle imprese che operano in Italia, e ha l’obiettivo di aumentare la sicurezza sul lavoro. In che modo? Grazie al finanziamento agevolato offerto dall’INAIL il titolare dell’impresa potrà affrontare dei progetti di investimento volti a migliorare il livello della sicurezza sul luogo di lavoro. Dunque sono spese ammissibili tutte quelle che riguardano la ristrutturazione degli immobili, ma anche l’acquisto di macchinari che rendano l’attività lavorativa più sicura per i dipendenti dell’impresa beneficiaria del finanziamento. In questo modo potranno sorridere sia i titolari delle aziende che appunto i lavoratori, che trarranno benefici importanti da questi prestiti a fondo perduto INAIL.

Il prestito a fondo perduto INAIL prevede un importo erogabile che va da un minimo di 5.000 euro fino ad un massimo di ben 130.000 euro, dunque un importo decisamente importante. Il bando per l’assegnazione dei finanziamenti agevolati viene pubblicato sul sito internet dell’ente. Qui troverete tutte le informazioni dettagliate con il regolamento in cui sono specificati i requisiti richiesti e le spese ammissibili del bando stesso. Per partecipare al bando e richiedere il prestito a fondo perduto INAIL è necessario compilare il modulo che trovate sul sito, allegando alla domanda un piano di spesa dettagliato. È importante che le spese comprese nel piano di investimento abbiano una finalità comune, legata appunto alla sicurezza sul lavoro. In caso contrario infatti l’INAIL non sarà disposta ad offrire il prestito desiderato. Una volta presentata la domanda bisognerà aspettare il tempo necessario per la valutazione delle richieste e l’assegnazione dei prestiti a fondo perduto. In generale dunque non si tratta di prestiti particolarmente veloci, tuttavia ripetiamo sono senza dubbio i finanziamenti più convenienti in assoluto.

Prestiti agevolati per pensionati INAIL 2019: requisiti richiesti

Abbiamo visto come funzionano i prestiti a fondo perduto INAIL disponibili per questo 2019. Si tratta tuttavia di una forma di finanziamento rivolta esclusivamente alle imprese, anche se è bene sottolineare che possono presentare la richiesta anche le imprese individuali. Quali sono però i prestiti INAIL che possono essere richiesti dai privati? Purtroppo i prestiti a fondo perduto non possono essere richiesti dai privati, tuttavia per fortuna ci sono altri finanziamenti agevolati che vengono messi a disposizione dall’INAIL. Una forma di prestito che viene richiesta da molti clienti è quella dei prestiti per pensionati. Ci sono moltissimi prodotti sul mercato dei finanziamenti che si rivolgono a coloro che percepiscano una pensione INPS. Ma cosa sono i prestiti agevolati per pensionati INAIL?

Come abbiamo già detto ad inizio articolo, l’INAIL è un ente che si occupa di tutelare i lavoratori che svolgono la propria attività in Italia. Tra le prestazioni che vengono offerte da questo Istituto, ci sono quelle legate agli infortuni che purtroppo possono accadere sul posto di lavoro. Ci sono moltissimi tipi di infortuni, più o meno gravi, che purtroppo ogni anno capitano a diversi lavoratori. In questi casi l’INAIL prevede un indennizzo, che può essere considerato come un assegno, una rendita e che per semplicità molti considerano una pensione. L’indennizzo che viene erogato dall’INAIL varia in base al tipo di infortunio occorso al lavoratore, può essere di importo più o meno elevato, e soprattutto può essere provvisorio oppure continuativo. Soprattutto nel caso in cui l’indennizzo erogato dall’INAIL sia continuativo, spesso si parla di pensione INAIL.

Tale dicitura non è corretta in quanto come sappiamo la pensione viene erogata dall’INPS. Per quanto riguarda i prestiti agevolati tuttavia sono in molti a chiedersi se sono previsti finanziamenti per pensionati INAIL. Il primo aspetto da considerare è che la rendita per infortunio o malattia professionale che viene offerta dall’INAIL prevede un importo più basso rispetto alla pensione INPS. Per questo motivo se siete beneficiari dell’assegno INAIL per un infortunio occorso sul lavoro ma non avete un’altra forma di reddito allora non potrete accedere al prestito desiderato. La buona notizia è che se invece siete pensionati INPS ed in più percepite un assegno INAIL, allora molto probabilmente avrete accesso ad un prestito agevolato. Questo perché la prestazione economica offerta dall’INAIL costituisce una garanzia economica ulteriore che va ad aggiungersi al cedolino della pensione. Di conseguenza il reddito mensile del richiedente è più elevato e dunque anche l’affidabilità è maggiore. Come sempre quando si è alla ricerca di un prestito, una maggiore affidabilità si traduce in condizioni economiche migliori, e dunque si potranno ricevere dei finanziamenti agevolati.

Prestiti INAIL per dipendenti e invalidi: cosa bisogna sapere

Quando si parla di prestiti INAIL spesso si rischia di fare un po’ di confusione. Molti utenti sul web sono alla ricerca di prestiti INAIL per dipendenti, ma esiste veramente questo tipo di finanziamento agevolato? Per rispondere è importante fare una precisazione: INAIL non è un istituto di credito, ma solamente un ente nazionale che si occupa di sicurezza sul lavoro e dunque di diminuire il numero di infortuni che purtroppo ogni anno si verificano. Dunque le attività che vengono promosse da questo ente, tra cui troviamo proprio i prestiti agevolati di cui abbiamo parlato finora, nascono tutti con l’obiettivo di aumentare la sicurezza per i lavoratori. Detto questo dunque è chiaro che un prestito personale per i lavoratori dipendenti rappresenta un prodotto che non accresce in alcun modo la sicurezza sul lavoro. Di conseguenza se aveva senso il finanziamento agevolato per il titolare di un impresa, in questo caso non avrebbe senso il prestito personale INAIL per dipendenti.

Questo è dunque il motivo per cui non sono previsti prestiti INAIL rivolti ai dipendenti. Se siete lavoratori dipendenti comunque sappiate che ci sono moltissimi istituti di credito disposti ad offrire prestiti anche a tassi d’interesse particolarmente convenienti. La busta paga rappresenta infatti un’ottima garanzia e per questo motivo vi consigliamo di consultare le nostre pagine per conoscere i prestiti personali migliori che vi consigliamo di prendere in considerazione in alternativa ai prestiti INAIL.

Un altro prodotto che è importante considerare è quello dei prestiti per invalidi INAIL. Tra le prestazioni economiche rivolte ai lavoratori che subiscono infortuni sul lavoro troviamo purtroppo anche quella che viene definita “pensione INAIL“. Nello sfortunato caso in cui un infortunio sul lavoro porti all’invalidità, è previsto dall’ente un contributo economico continuativo, che dunque può essere considerato come una vera e propria pensione. Ma è possibile accedere ai prestiti personali per gli invalidi INAIL? In alcuni casi si, anche se non sempre è possibile.

Come abbiamo già detto in precedenza, la rendita INAIL non può essere utilizzata come una qualsiasi forma di reddito. Dunque ad esempio non è possibile accedere alla cessione del quinto della pensione INAIL, innanzitutto perché il regolamento non lo prevede, e poi perché l’importo della stessa non è abbastanza elevato da permettere di rimborsare un finanziamento tramite rate pari ad un quinto della stessa. Quando si può invece accedere ai prestiti agevolati per invalidi INAIL? Questo è possibilequando il cliente oltre a percepire l’assegno INAIL percepisce una pensione INPS oppure un altro tipo di reddito. In questo caso la cessione del quinto non prenderà in considerazione la pensione INAIL, tuttavia sarà possibile ottenere la somma di denaro desiderata contando su un’entrata mensile ulteriore. Infine è bene sottolineare che in alcuni casi viene fissata una soglia minima della rendita INAIL per far si che il finanziamento venga erogato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *