You are here: Home » Prestiti News » Prestito in Tasca PerTe di Banca Intesa Sanpaolo: interessi, requisiti e come attivare

Prestito in Tasca PerTe di Banca Intesa Sanpaolo: interessi, requisiti e come attivare

In questa pagina troverete un’utile recensione riguardo il Prestito in Tasca PerTe. Questa forma di finanziamento è offerta da Banca Intesa Sanpaolo ai propri clienti. Vediamo quali sono gli interessi che andremo a pagare in base alla durata scelta. Infine i requisiti per la richiesta e come attivare i prestiti.

Prestito in Tasca PerTe di Banca Intesa Sanpaolo: cos’è e come funziona

Se siete alla ricerca di un piccolo prestito veloce, allora una soluzione che sicuramente fa al caso vostro è PerTe Prestito in Tasca. Questa tipologia di finanziamento rappresenta uno dei prestiti Intesa Sanpaolo riservati ai clienti. Si tratta di una forma di prestito particolare, che si differenzia dai prestiti personali classici. Innanzitutto, si tratta di un finanziamento rivolto a coloro che siano interessati a ricevere una piccola somma di denaro. In particolare l’importo massimo richiedibile è pari a 5.000 euro. Fin qui non c’è nulla di particolare, ma ciò che differenzia il Prestito in Tasca PerTe è la modalità di richiesta. Come viene evocato dal nome stesso del prodotto, la particolarità di questa soluzione è quella di permettere al cliente di avere un finanziamento “in tasca” e dunque sempre a portata di mano.

La somma di denaro che andiamo a richiedere quando chiediamo l’attivazione del Prestito in Tasca PerTe non ci sarà erogata subito. Tale importo sarà infatti il plafond a nostra disposizione, cioè la somma di denaro alla quale possiamo accedere tramite un piccolo prestito. Questo significa che se ad esempio vogliamo acquistare un frigorifero da 1.000 euro potremo farlo senza problemi, proprio come se quei soldi fossero sul nostro conto. A questo punto il plafond verrà ridotto a 4.000 euro, che saranno a nostra disposizione per ricevere altri mini finanziamenti. Ogni prestito di questo tipo sarà indipendente, e potrà essere richiesto anche mentre ne stiamo rimborsando un altro. In questo modo si potranno affrontare tutte le spese che vogliamo, con l’unico vincolo che il totale degli importi ricevuti non superi i 5.000 euro.

Di volta in volta dunque potremo richiedere nuovi finanziamenti, e per ognuno potremo scegliere il piano di rimborso che preferiamo. Come riportato sul sito internet ufficiale di Banca Intesa Sanpaolo, la durata che potremo scegliere per ogni prestito va dai 12 mesi ai 48 mesi. Una volta completato il rimborso la nostra riserva di denaro rappresentata dal Prestito in Tasca PerTe verrà incrementata dell’importo rimborsato. È bene specificare che tale incremento avviene solamente al termine del rimborso, e non viene incrementato al pagamento di ogni rata. Per quanto riguarda i singoli prestiti, è sempre possibile scegliere l’estinzione anticipata, sia totale che parziale. In questo modo si può completare il rimborso in un tempo minore rispetto alla durata prevista e dunque si può ricostituire prima il plafond iniziale.

Requisiti richiesti per accedere a PerTe Prestito in Tasca e interessi previsti

In base alle condizioni del Prestito in Tasca PerTe di Banca Intesa Sanpaolo si può dire che si tratta di una soluzione molto interessante. Vediamo dunque chi può richiedere questa utile riserva di denaro pronta all’uso per qualsiasi esigenza. Questa forma di finanziamento si rivolge ad una clientela piuttosto ampia, in quanto i requisiti richiesti non sono troppo restrittivi. Come sempre non ci sarà alcun tipo di problema per i lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato e per i pensionati, che possono presentare la busta paga oppure il cedolino della pensione. A questi si aggiungono anche tutti i lavoratori autonomi, a patto che il finanziamento venga utilizzato per affrontare spese che non siano connesse alla propria attività artigianale, commerciale, imprenditoriale o professionale. In questo caso la garanzia da presentare alla banca è l’ultima dichiarazione dei redditi.

Un discorso a parte va fatto per tutti i lavoratori dipendenti con contratto a tempo determinato e per i lavoratori atipici, che non forniscono alla banca delle garanzie particolarmente forti. Anche in questo caso è possibile accedere al Prestito in Tasca PerTe di Banca Intesa Sanpaolo, anche se come viene specificato sul sito è necessario che il richiedente abbia un conto aperto da almeno 6 mesi presso una delle banche del Gruppo Intesa Sanpaolo. Per quanto riguarda i lavoratori dipendenti con contratto a tempo determinato c’è poi il vincolo secondo cui la durata di ogni piccolo prestito non può superare la durata residua del contratto di lavoro. Infine i lavoratori atipici dovranno poter dimostrare i guadagni ottenuti nell’ultimo periodo e fornire le adeguate garanzie alla banca.

I requisiti richiesti dunque come abbiamo già detto non risultano essere particolarmente restrittivi per i Prestiti in Tasca PerTe di Banca Intesa Sanpaolo. Ma quali sono le condizioni economiche dei finanziamenti. I tassi d’interesse applicati verranno fissati al momento della richiesta di attivazione della riserva di denaro, e rimarranno costanti per tutti i piccoli finanziamenti che richiederemo anche nel caso in cui ci siano variazioni dei tassi di mercato. La Banca Intesa Sanpaolo studia continuamente nuove promozioni, dunque in base a quando decidete di effettuare la richiesta del Prestito in Tasca PerTe avrete dei tassi d’interesse più o meno convenienti. Attualmente ad esempio è disponibile una promozione decisamente interessante, che prevede un Tan 6,90% ed un Taeg 7,15%. Tra gli aspetti che rendono particolarmente interessante questo prodotto ci sono il fatto che l’imposta di bollo per la sottoscrizione del contratto è totalmente a carico della banca, inoltre le spese di istruttoria sono completamente gratuite e per il pagamento della rate non è prevista alcuna commissione.

Come attivare Prestito in Tasca PerTe e i singoli prestiti Intesa Sanpaolo online e in filiale

Per completare la nostra recensione sul Prestito in Tasca PerTe è importante vedere come è possibile attivare questa linea di credito. Per effettuare la richiesta di attivazione del plafond desiderato è necessario recarsi presso una delle filiali del Gruppo Intesa Sanpaolo. Tramite il sito internet della compagnia è possibile consultare la lista completa degli uffici presso i quali è possibile recarsi, per individuare quello più vicino a casa nostra e fissare un appuntamento. Al momento della richiesta dovremo specificare l’importo totale della riserva di denaro che desideriamo avere, che ovviamente non potrà superare i 5.000 euro. Per poter effettuare la richiesta senza alcun problema ricordiamo che si deve essere titolari di un conto corrente presso la Banca Intesa Sanpaolo, e si dovrà dunque comunicare il codice IBAN. Inoltre è indispensabile aver a portata di mano la carta d’identità, la tessera sanitaria ed un documento di reddito che nello specifico sarà la busta paga, il cedolino della pensione oppure il Modello Unico per la dichiarazione dei redditi.

Al momento della sottoscrizione del contratto verranno definite le condizioni dei finanziamenti che potremo in seguito ricevere, e dunque i tassi d’interesse Tan e Taeg applicati. Se non ci saranno problemi con la pratica il plafond verrà immediatamente attivato e sarà dunque a completa disposizione del cliente. Da questo momento in poi il cliente potrà richiedere un piccolo prestito quando vuole, nei limiti del plafond previsto. Attivare i singoli piccoli prestiti è estremamente semplice. In questo caso infatti è possibile farlo anche online tramite il sito internet della banca oppure da smartphone e tablet accedendo alla propria area personale tramite l’App di Banca Intesa Sanpaolo. Per farlo è necessario che il cliente sia titolare di un contratto My Key a cui è stato associato il proprio conto corrente.

In alternativa alla modalità totalmente online, i piccoli prestiti Banca Intesa Sanpaolo possono essere richiesti anche tramite le casse veloci automatiche appartenenti al Gruppo Intesa Sanpaolo. Per fare ciò è necessario che il cliente sia in possesso di una carta BancoCard Basic, BancoCard Plus oppure XME Card. Infine, è anche possibile effettuare la richiesta direttamente a sportello recandosi presso una qualsiasi delle filiali Banca Intesa Sanpaolo. In ogni caso l’erogazione della somma richiesta avverrà in tempo reale. Proprio quest’ultima è la caratteristica che rende unica questa tipologia di finanziamento. Con il Prestito in Tasca PerTe si ha infatti l’opportunità di avere i soldi di cui si ha bisogno senza dover aspettare dei tempi di erogazione che spesso risultano essere troppo lunghi. Dunque se vi capita di aver bisogno di una piccola somma di denaro per affrontare alcune spese vi consigliamo di attivare la riserva di denaro, per avere i soldi a tua disposizione ogni volta che ne hai bisogno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *