You are here: Home » Prestiti News » Estinzione Anticipata Cessione del Quinto INPS-INPDAP 2020: calcolo e modulo

Estinzione Anticipata Cessione del Quinto INPS-INPDAP 2020: calcolo e modulo

Tutte le informazioni utili riguardo l’estinzione anticipata della cessione del quinto INPS ex INPDAP 2020 ed i vantaggi di questa opzione. Inoltre scopriamo come effettuare il calcolo dell’importo da pagare in caso di estinzione anticipata e come compilare il modulo per la richiesta disponibile online. 

Estinzione Anticipata Cessione del Quinto INPS ex INPDAP 2020: vantaggi

La cessione del quinto offerta per il 2020 dall’INPS è senza dubbio uno dei finanziamenti maggiormente richiesti ed apprezzati dai clienti. Le condizioni economiche di questa tipologia di prestito personale sono le stesse dei vecchi finanziamenti INPDAP, che ormai da anni vengono appunto gestiti dall’INPS. In particolare la cessione del quinto è un prestito rivolto esclusivamente ai lavoratori dipendenti e ai pensionati, che come garanzia dovranno presentare semplicemente la busta paga o il cedolino della pensione. La cessione del quinto INPS ex INPDAP rappresenta un’ottima soluzione, in quanto permette ai clienti di accedere ad un finanziamento di importo anche piuttosto elevato, con un rimborso in comode rate che non superano il quinto dello stipendio o della pensione netta percepita dal richiedente. Detto questo, possiamo introdurre l’argomento principale che verrà analizzato in questa pagina, che è quello dell’estinzione anticipata della cessione del quinto INPS.

Innanzitutto, che cos’è l’estinzione anticipata? Si tratta di un’opzione prevista nel contratto di finanziamento che stipuliamo quando richiediamo un prestito personale INPS-INPDAP. L’estinzione anticipata permette al cliente di completare il rimborso del prestito ricevuto prima della data di scadenza definita dal contratto. Come sappiamo, infatti, quando un qualsiasi istituto di credito accetta la richiesta di finanziamento di un cliente definisce la rata di rimborso che quest’ultimo dovrà pagare ogni mese, ed allo stesso tempo la durata del piano di rimborso. Di conseguenza la data in cui è previsto il pagamento dell’ultima rata rappresenta la data in cui il cliente dovrà completare il rimborso del prestito INPS ricevuto. Dovrà o meglio dovrebbe, nel caso in cui non scelga di effettuare l’estinzione anticipata della cessione del quinto ricevuta. Molto semplicemente, con l’estinzione anticipata il cliente sceglie di pagare in un’unica maxi rata tutte le rate di rimborso che mancano fino al termine del piano di rimborso.

Dunque è chiaro che per effettuare l’estinzione anticipata di una cessione del quinto INPS è necessario che il beneficiario del credito abbia una certa disponibilità economica, dal momento che la rata da pagare sarà particolarmente elevata. Ovviamente se da una parte si tratta di un sacrificio, dall’altra ci sono diversi vantaggi che spingono diversi clienti ad usufruire dell’estinzione anticipata. È bene sottolineare che l’estinzione anticipata di un qualsiasi prestito INPS-INPDAP, e dunque anche per la cessione del quinto, è completamente gratuita. Il primo vantaggio è quello che deriva dalla definizione stessa di estinzione anticipata, e cioè il fatto di terminare in anticipo il proprio piano di rimborso. Questo significa che ci si toglierà il peso di dover pagare ogni mese la rata di rimborso prevista dal contratto, che seppur leggera rappresenta una spesa che modifica il budget mensile a propria disposizione.

Allo stesso tempo in alcuni casi l’estinzione anticipata è necessaria nel caso in cui il cliente abbia bisogno di un nuovo finanziamento per realizzare un nuovo progetto. Spesso non è possibile accedere al credito desiderato se si ha una cessione del quinto in corso, perciò l’estinzione anticipata è l’unica soluzione da adottare. Infine usufruendo dell’estinzione anticipata di un prestito INPS si ha la possibilità di risparmiare sul costo degli interessi. I tassi d’interesse Tan e Taeg applicati dalla compagnia rappresentano infatti degli interessi annui, che rappresentano la spesa principale del proprio finanziamento. Grazie all’estinzione anticipata si ha la possibilità di ridurre la durata, perciò non dovranno essere pagati gli interessi previsti per il periodo del piano di rimborso che in questo modo viene “eliminato”.

Calcolo Estinzione Anticipata INPS-INPDAP: come fare, importo del rimborso

L’estinzione anticipata della cessione del quinto INPS ex INPDAP è dunque un’opzione particolarmente apprezzata dai clienti. Accade spesso infatti che durante il rimborso il cliente si trovi ad avere dei soldi da parte che potrebbero essere utilizzati proprio per terminare in anticipo il rimborso del finanziamento ricevuto. In questo caso il nostro consiglio è quello di procedere subito con l’estinzione anticipata, in modo da risparmiare non poco. È importante dunque parlare del calcolo dell’estinzione anticipata, cioè della procedura che vi permette di conoscere la somma di denaro che dovrete affrontare per completare in anticipo il rimborso della vostra cessione del quinto INPS. Sul sito internet dell’ente previdenziale vengono descritte nel dettaglio tutte le procedure utili, tra cui appunto quella che ci permette di calcolare l’importo che dovremo effettivamente pagare per estinguere anticipatamente il nostro debito con l’istituto di credito prestatore.

Per effettuare l’estinzione anticipata è necessario richiedere all’INPS il conteggio estintivo. Quest’ultimo è un documento, inviato in formato pdf, in cui vengono descritte le condizioni economiche della cessione del quinto in corso, le rate di rimborso pagate e le rate che devono essere ancora pagate. Per effettuare il calcolo dell’importo da pagare per la cessione del quinto è dunque necessario richiedere il conteggio estintivo. La richiesta può essere effettuata completamente online, accedendo al sito internet dell’INPS tramite le proprie credenziali e utilizzando il codice PIN inviatoci dall’ente. Nella propria area personale è possibile consultare la lista delle “Pratiche in ammortamento”. Qui troverete appunto la cessione del quinto in corso, per la quale potrete effettuare la richiesta del conteggio estintivo per conoscere l’importo della maxi rata da pagare. Una volta effettuata la richiesta saranno necessari alcuni giorni perché questa venga analizzata dagli operatori e ci venga inviato il documento del nostro conteggio estintivo.

Un altro aspetto da considerare, sempre legato ai vantaggi dell’estinzione anticipata, è quello del risparmio dal punto di vista del premio Fondo Rischi. Come probabilmente già sapete, il costo di un finanziamento non è costituito solamente dal tasso d’interesse applicato (Tan). Il Taeg, che è il Tasso Annuo Effettivo Globale, è infatti costituito dal Tan e dalle altre voci di spesa. Nel caso della cessione del quinto INPS ex INPDAP, una voce di spesa importante è quella del premio Fondo Rischi. Molto semplicemente si tratta di una percentuale che sarà tanto più elevata quanto maggiori sono i rischi che la compagnia corre accettando di erogare il prestito. Chiaramente un cliente anziano rappresenta un profilo a più alto rischio rispetto ad un cliente più giovane, e di conseguenza questo premio Fondo Rischi determinerà un costo del finanziamento maggiore nel primo caso. Quando si effettua l’estinzione anticipata della cessione del quinto INPS, come specificato sul sito internet dell’ente, il cliente avrà diritto al rimborso del premio stesso, relativo al periodo in cui il cliente non ha usufruito di questa assicurazione sul finanziamento.

Come si fa a conoscere l’importo che il cliente ha diritto a ricevere come rimborso? Anche per il calcolo del rimborso del premio Fondo Rischi è possibile utilizzare un apposito strumento disponibile sul sito internet dell’ente. In particolare da qui è possibile scaricare un foglio di calcolo, che può essere utilizzato tramite Microsoft Excel, che vi permetterà appunto di calcolare la somma di denaro che vi spetta come rimborso. Questo calcolatore è molto semplice da utilizzare: tutto quello che bisogna fare è specificare il numero totale di rate della cessione del quinto INPS ricevuta, l’importo della garanzia pagata, il mese e l’anno di inizio del piano di rimborso ed infine il mese e l’anno in cui è stato effettuato il pagamento dell’ultima rata. Tramite questi quattro elementi, il foglio di calcolo in automatico genera l’importo relativo al premio Fondo Rischi da rimborsare.

Modulo Estinzione Anticipata: come effettuare la richiesta online

Dopo aver visto come effettuare il calcolo di tutte le informazioni utili legate all’estinzione anticipata della cessione del quinto INPS ex INPDAP non ci resta che vedere come effettuare la richiesta per completare in anticipo il rimborso del finanziamento. Come sempre, tramite il sito internet dell’INPS è possibile gestire comodamente online tutto ciò che riguarda i propri finanziamenti in corso. Dunque anche il modulo di richiesta dell’estinzione anticipata sarà disponibile sul sito web. Innanzitutto è necessario che il cliente abbia già richiesto il calcolo estintivo. È bene sottolineare che la richiesta del calcolo per conoscere l’importo totale da pagare in caso di estinzione anticipata non costituisce alcun vincolo, perciò può tranquillamente essere richiesto per poi successivamente scegliere se procedere o meno con l’estinzione anticipata della cessione del quinto. Detto questo, dopo aver richiesto il conteggio estintivo il cliente si rende conto che l’importo da pagare è alla propria portata e dunque sceglie di procedere con l’estinzione anticipata del proprio finanziamento. Come deve comportarsi a questo punto?

Per usufruire dell’opzione che abbiamo analizzato finora vi basterà compilare il modulo per la richiesta di estinzione anticipata. In questo modulo dovranno essere specificati i vostri dati personali ed i dati del vostro finanziamento. Al momento della richiesta dovranno dunque essere specificate le caratteristiche che sono state riportate nel conteggio estintivo precedentemente ricevuto. Per quanto riguarda il pagamento della maxi rata, questo non avverrà così come avveniva il pagamento delle rate di rimborso del finanziamento stesso. Infatti in base al contratto firmato inizialmente, l’istituto di previdenza sociale era autorizzato a trattenere le rate dallo stipendio o dalla pensione del cliente. In questo caso chiaramente la somma di denaro totale dovuta per l’estinzione anticipata non potrà essere trattenuta dalla busta paga o dalla pensione. Di conseguenza il cliente può scegliere il metodo di pagamento che preferisce. Dunque ad esempio è possibile procedere tramite bonifico bancario, specificando la causale che vi verrà comunicata dalla compagnia.

Sempre tramite l’apposito servizio online è infine possibile richiedere il rimborso del premio Fondo Rischi a cui si ha diritto. Il calcolo effettuato utilizzando il foglio Excel non è indispensabile per effettuare questa richiesta, tuttavia come abbiamo già detto è molto utile per farsi un’idea dell’importo che ci spetta. Dunque compilando il relativo modulo è possibile richiedere ed ottenere il rimborso del premio Fondo Rischi relativo al periodo di rimborso “eliminato” grazie all’estinzione anticipata. Nel caso in cui non siate particolarmente pratici con l’uso del computer, o se semplicemente preferite che sia un esperto ad occuparsi della vostra pratica per evitare qualsiasi tipo di errore, vi consigliamo di recarvi presso un ufficio dell’INPS. Qui troverete personale qualificato in grado di aiutarvi per qualsiasi tipo di esigenza. Dunque per ciò che riguarda l’estinzione anticipata della cessione del quinto INPS ex INPDAP potrete richiedere il calcolo della somma di denaro da versare e del rimborso che vi spetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *